I forum di Totus Tuus Maria Maria

Torna indietro   I forum di Totus Tuus > Uno sguardo sulla realtà > Cose di Chiesa

Rispondi
 
Strumenti discussione
  #1  
Vecchio 16-02-2012, 07.03.01
L'avatar di Davidone58
Davidone58 Davidone58 non è connesso
Amministratore
 
Data registrazione: 22-09-2007
Residenza: Bulagna & Milàn
Messaggi: 1,048
Davidone58 ha disabilitato la reputazione
Msn106 Ici: cedere per non perdere?

Notizia Ansa di stamani:
Citazione:
Arriva l'Ici sui beni della chiesa. Ovviamente non sulle strutture religiose. Ma su quelle commerciali: cliniche, pensioni, scuole. Per l'esenzione non bastera' piu' avere all'interno dell'immobile una struttura religiosa. Questa continuera' ad essere esente, ma il fisco guardera' alla destinazione prevalente, individuando un rapporto percentuale, e su tutto il resto si paghera' il dovuto. La norma, che vale circa 100 milioni di maggiori tributi, avra' impatto su tutti gli ''enti non commerciali'', in pratica sul mondo del volontariato e delle organizzazioni non lucrative (fonte: http://www.ansa.it/web/notizie/rubri...99522516.html)
Il governo del tecnocrate montimario porta a segno un'altra importante violenza alla struttura della società: diversamente dal precedente Governo (che aveva inventato il 5x1000 per il mondo non profit) oggi si vuole affermare che le uniche strutture che possono fare solidarietà sono quelle statali di regime.

Ma c'è di più: dalla stessa fonte sembra che la risposta della Cei all'incontro di domani sarà di "disponbilità e responsabilità".
Penso a quante scuole materne parrocchiali dovranno chiudere. A quegli ormai pochissimi istituti di I e II grado retti da movimenti ecclesiali come Comunione e Liberazione.
Ciascuno di voi può facilmente immaginare quante e quali opere cattoliche moriranno.

E' un altro tassello della lenta erosione che, dal 1878, la Chiesa di Cristo affronta con la logica del "cedere qualcosa oggi per non perdere tutto". Non accorgendosi, forse, che una resistenza schietta e aperta, non solo porterebbe più risultati concreti ( € ), ma costituirebbe una ormai sempre più indispensabile chierificazione culturale interna alla Chiesa stessa.

iGpM
d
__________________

Davanti a Dio
non sarai mai
un eroe anonimo

Ultima modifica di Davidone58 : 16-02-2012 alle ore 13.58.12
Rispondi citando
  #2  
Vecchio 16-02-2012, 09.38.16
L'avatar di Nouador
Nouador Nouador non è connesso
Partecipante
 
Data registrazione: 03-09-2011
Messaggi: 319
Nouador è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Ici: cedere per non perdere?

Posso dire di essere molto contrariato per questa "iniziativa" del governo? Se un'ente non a scopo di lucro deve pagare delle tasse, come fa a sopravvivere? Ma secondo me i tecnocrati puntano a far chiudere le scuole private (che allo stato costano meno di quelle pubbliche) per imporre un "catechismo statale". Questo, detto francamente, mi fa davvero alterare.

Per quanto riguarda il "cedere per non perdere" mi sembra tanto un "non è lei che mi licenzia sono io che mi dimetto". Insomma, semplicemente stupido.
__________________
«La società moderna si concede il lusso di tollerare che tutti dicano ciò che vogliono perché oggi, di fondo, tutti pensano allo stesso modo» (Nicolàs Gòmez Dàvila).
Rispondi citando
  #3  
Vecchio 17-02-2012, 06.31.24
ITER PARA TUTUM ITER PARA TUTUM non è connesso
Partecipante
 
Data registrazione: 21-04-2008
Messaggi: 249
ITER PARA TUTUM è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Ici: cedere per non perdere?

Un po' come quando ai tempi dell'approvazione della sciagurata legge sull'aborto la Chiesa omise di negare la Comunione ai politici cattolici (Leone e Andreotti in testa) che l'avevano approvata e promulgata.
Poi il referendum, invece di essere proposto per l'abrogazione integrale di una legge gravemente lesiva della morale cattolica, fu nelle due forme "massimale" e "minimale" che volevano "salvare quel che c'era di buono" riconoscendo, sostanzialmente, che la 194 sarebbe stata fondamentalmente "buona" con la necessità di alcune limitate correzioni.
I bei risultati ottenuti sono sotto gli occhi di tutti.
Rispondi citando
  #4  
Vecchio 20-02-2012, 14.24.45
L'avatar di mec1961
mec1961 mec1961 non è connesso
Partecipante
 
Data registrazione: 29-09-2010
Messaggi: 79
mec1961 è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Ici: cedere per non perdere?

Citazione:
Originalmente inviato da Davidone58 Visualizza messaggio
E' un altro tassello della lenta erosione che, dal 1878, la Chiesa di Cristo affronta con la logica del "cedere qualcosa oggi per non perdere tutto". Non accorgendosi, forse, che una resistenza schietta e aperta, non solo porterebbe più risultati concreti ( € ), ma costituirebbe una ormai sempre più indispensabile chierificazione culturale interna alla Chiesa stessa.

iGpM
d
Quoto tutto e rovescio il concetto. La strategia del cedere qualcosa oggi per non perdere tutto e' funzionale all'evitare il chiarimento, perche' si vuole a tutti i costi continuare "il clima di sereno dialogo"... invece del "si si no no" evangelico che invece e' chiaro.

Mai come adesso sta suonando l'ora della contrapposizione
__________________
NON NOBIS, DOMINE, NON NOBIS, SED NOMINI TUO DA GLORIAM (Motto dei templari)

Noi vi doniamo la nostra sconfitta per un vincere piu' grande (Massimo Morsello)
Rispondi citando
  #5  
Vecchio 23-02-2012, 17.23.26
L'avatar di CultorVeritatis
CultorVeritatis CultorVeritatis non è connesso
Super Moderatore
 
Data registrazione: 23-09-2009
Messaggi: 398
CultorVeritatis è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Ici: cedere per non perdere?

Ma la cosa è materia concordataria oppure no?
__________________
Non est libertas sine Veritate.

Rispondi citando
  #6  
Vecchio 23-02-2012, 18.08.11
LucioFontana LucioFontana non è connesso
Amministratore
 
Data registrazione: 30-09-2007
Messaggi: 2,093
LucioFontana ha disabilitato la reputazione
Predefinito Riferimento: Ici: cedere per non perdere?

Citazione:
Originalmente inviato da cultorveritatis Visualizza messaggio
ma la cosa è materia concordataria oppure no?
Citazione:

[…]

3. Agli effetti tributari gli enti ecclesiastici aventi fine di religione o di culto, come pure le attività dirette a tali scopi, sono equiparati a quelli aventi fine di beneficenza o di istruzione.

4. Le attività diverse da quelle di religione o di culto, svolte dagli enti ecclesiastici, sono soggette, nel rispetto della struttura e della finalità di tali enti, alle leggi dello stato concernenti tali attività e al regime tributario previsto per le medesime.
Non sono un esperto, ma secondo me solo un'altra modificazione al Concordato (e quindi con un intervento diretto della Santa Sede e non della CEI) renderebbe legittimo un trattamento diverso, non una semplice chiacchierata Monti-Bagnasco.

Lucio

P. S. - Ritengo che ospedali, scuole, ecc. rientrino tra gli enti previsti al punto 3 dell'art. 7 («le attività dirette a tali scopi»). Infatti non fanno altro che sovvenire alle necessità corporali e spirituali, che è un dovere richiesto dalla religione cattolica (opere di misericordia corporale e spirituale).

Ultima modifica di LucioFontana : 23-02-2012 alle ore 18.26.18
Rispondi citando
  #7  
Vecchio 20-03-2012, 10.11.36
L'avatar di CultorVeritatis
CultorVeritatis CultorVeritatis non è connesso
Super Moderatore
 
Data registrazione: 23-09-2009
Messaggi: 398
CultorVeritatis è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Ici: cedere per non perdere?

Citazione:
Originalmente inviato da LucioFontana Visualizza messaggio

P. S. - Ritengo che ospedali, scuole, ecc. rientrino tra gli enti previsti al punto 3 dell'art. 7 («le attività dirette a tali scopi»). Infatti non fanno altro che sovvenire alle necessità corporali e spirituali, che è un dovere richiesto dalla religione cattolica (opere di misericordia corporale e spirituale).
La penso come te, ma nell'impostazione culturale e giuridica prevalente è davvero difficile far passare una scuola o un ospedale come un'attività di religione. Per non parlare del ristorante che ristora i pellegrini di un santuario.
In realtà tutte le attività della Chiesa sono non commerciali perché anche gli eventuali profitti (si pensi ad una palazzina affittata) sono impiegati a beneficio, materiale e spirituale, degli uomini, anche non cattolici.
Purtroppo però prevale, anche in ambito ecclesiale, la ricerca del consenso e di non dispiacere all'opinione pubblica e ai potenti del mondo.
__________________
Non est libertas sine Veritate.

Rispondi citando
  #8  
Vecchio 03-04-2012, 22.49.58
L'avatar di aristide
aristide aristide non è connesso
Amministratore
 
Data registrazione: 23-06-2008
Residenza: Livorno
Messaggi: 1,490
aristide aggiunge speranza alla carità verso di noi
Hands48 Riferimento: Ici: cedere per non perdere?

Comunque l'IMU le fondazioni bancarie non la pagheranno. Sono esentate (al pari dei sindacati) dal governo Monti.
http://www.liberoquotidiano.it/news/973251/Imu-scandalo-sulle-banche-fondazioni-sono-esentate.html
La Chiesa, per le sue opere caritative... passerà l'anima dei guai, dovrà dimostrare che sono senza scopo di lucro, che non c'è attività commerciale... etc.
La domanda che sorge spontanea è questa. Un asilo, una scuola cattolica, un pensionato retto da un ordine religioso sono attività commerciali?
E una fondazione bancaria è un ente benefico senza scopi di lucro? Nel senso che se dopo aver fatto strozzinaggio legalizzato e depredato la povera gente spende pochi spiccioli in kultura può spacciarsi per opera caritativa?
__________________
E' necessità et non si può far di manco
Rispondi citando
  #9  
Vecchio 15-04-2012, 21.26.09
L'avatar di filex08
filex08 filex08 non è connesso
Partecipante
 
Data registrazione: 27-09-2007
Messaggi: 121
filex08 è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Ici: cedere per non perdere?

Citazione:
Originalmente inviato da CultorVeritatis Visualizza messaggio
La penso come te, ma nell'impostazione culturale e giuridica prevalente è davvero difficile far passare una scuola o un ospedale come un'attività di religione. Per non parlare del ristorante che ristora i pellegrini di un santuario.
In realtà tutte le attività della Chiesa sono non commerciali perché anche gli eventuali profitti (si pensi ad una palazzina affittata) sono impiegati a beneficio, materiale e spirituale, degli uomini, anche non cattolici.
Purtroppo però prevale, anche in ambito ecclesiale, la ricerca del consenso e di non dispiacere all'opinione pubblica e ai potenti del mondo.

tutto vero; purtroppo paghiamo i mercanti e furbastri che girano nel tempio.E' vero che tanta propaganda è falsa, ma di gente che specula all'ombra della croce ce ne è troppa.Se serve a togliere un pò di "sporcizia "dalla Chiesa , venga anche questa prova.La Provvidenza provvederà quando necessario.........è sempre stato così
Rispondi citando
  #10  
Vecchio 11-10-2012, 08.54.14
L'avatar di aristide
aristide aristide non è connesso
Amministratore
 
Data registrazione: 23-06-2008
Residenza: Livorno
Messaggi: 1,490
aristide aggiunge speranza alla carità verso di noi
Predefinito Riferimento: Ici: cedere per non perdere?

Indico questo articolo. Dice delle cose molto ovvie e molto di buon senso, niente di particolare. Ma poichè lo ha scritto una giornalista che non credo sia credente, su un giornale diretto da un agnostico, mi sembra possa far riflettere su come molti cattolici adulti non difendono la libertà di apostolato della Chiesa e il compito venga invece assolto da non credenti ed agnostici.
http://www.ilfoglio.it/osservatriceromana/71
__________________
E' necessità et non si può far di manco
Rispondi citando
Rispondi

Strumenti discussione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi threads
Tu non puoi inserire risposte
Tu non puoi inserire allegati
Tu non puoi editare i tuoi posts

BB code is Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 09.39.40.

Come aiutare totustuus.it: | Documenti di tutti i Concili | Denzinger | Tutte le Encicliche | Amici di Joseph Ratzinger | San Josemaria Escrivà | Card. Caffarra | Pagine cattoliche | Tutta un'altra storia | Contro la leggenda nera | Difendere la vita | Rino Cammilleri | Libertà di educazione | Eugenio Corti | P. Thomas Tyn O.P. | P. Cornelio Fabro | Per una politica dei valori | Campus Virtuale di teologia | Fatti Sentire! | Vittorio Messori | Haerent animo | Flos Carmeli | Amici di don Giussani | Storia, politica, educazione | Scambio banner per siti cattolici | Feeds, Rss, Xml | I forum di Totus tuus | Tutti i libri scaricabili gratuitamente

Powered by vBulletin versione 3.8.4
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana : www.vbulletin.it
Nessun diritto riservato, riproduzione raccomandata anche senza citare la fonte.