I forum di Totus Tuus Maria Maria

Torna indietro   I forum di Totus Tuus > Uno sguardo sulla realtà > Attualità

Rispondi
 
Strumenti discussione
  #11  
Vecchio 11-04-2012, 21.05.37
L'avatar di Miletto
Miletto Miletto non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 26-03-2009
Messaggi: 647
Miletto è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Preti per... il posto fisso!

2) Ti rispondo in una parola: fiction don Matteo.

Si può anche criticare quella serie per alcuni motivi (forse è un po' troppo "buonista"; poi confesso che a me quella serie tv piace ); ma sarebbe la stessa cosa se non avesse l'abito quando va in giro in bicicletta?

A mio avviso oggi (ma è un problema più ampio) si è persa la consapevolezza del fatto che la forma è importante. La forma serve a contenere la sostanza come un piatto serve a contenere il cibo. E talvolta la forma è veramente fondamentale, come ad esempio un piatto fondo è fondamentale quando si mangia la zuppa.

Oggi la forma è molto combattuta. Ci diamo del "tu" con quasi tutti. La cravatta è cosa sempre più rara. L'abito della Domenica è un concetto da libri di storia.
E anche certe deferenze nei confronti dei preti si sono perdute. Risultato? La figura del Sacerdote oggi è molto svilita e non si capisce bene la sua dignità. E' ovvio che ridotto cosi il Sacerdozio ispira molto meno.

Che direste di una persona sposata che non si mette la fede? Di un carabiniere che non si mette la sua uniforme? Di un medico che si rifiuta di mettersi il camice?

La forma aiuta ed è importantissima.

Secondo me pertanto, se proprio si vuole risolvere il problema delle Vocazioni, quello che si deve fare è il seguente (spero di non essere troppo arrogante, ma sono abbastanza convinto di quello che dico qui).

1) Preghiera.
2) Preghiera.
3) Preghiera.
4) Estrema cura della formazione dei Sacerdoti (quindi formazione a) Dottrinale, b) Liturgico-Musicale, c) Spirituale, d) Ritrovare l'orgoglio di essere Cattolici con una sana e combattiva Apologetica ecc.)
5) Santità, che è un po' la chiave di tutto.

L'ordine non è in senso di importanza; sono ovviamente importanti tutti questi punti.

Finchè non curiamo bene quelli che già abbiamo; fintanto che non sappiamo la Dottrina di base della nostra Fede (vi ricordate le interviste ai Preti sui 10 Comandamenti?); finché le S. Messe sono spesso sciatte e noiose (altro che percepire il Mistero quindi), finché non abbiamo una solida spiritualità; finché continuamo quasi a chiedere persino scusa di esistere dove vogliamo che si arrivi!

Non pensate che forse ispiri a diventare Sacerdoti molto più una S. Messa celebrata cosi (ripeto: neanche in Latino ma in Italiano; e non mi riferisco neanche principalmente ai paramenti ma sopratutto alla devozione) che una pubblicità di quel tipo?
__________________
Catholics: the lucky ones!

Ultima modifica di Miletto : 11-04-2012 alle ore 21.09.57
Rispondi citando
  #12  
Vecchio 11-04-2012, 21.20.49
L'avatar di Miletto
Miletto Miletto non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 26-03-2009
Messaggi: 647
Miletto è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Preti per... il posto fisso!

Citazione:
Originalmente inviato da Miletto Visualizza messaggio
Tuttavia entrambe le forme di vita sono vita consacrata; o non da laici. E, come prevede anche il Diritto Canonico, chi fa vita Consacrata deve portare il proprio abito.
Citazione:
Can. 284 - I chierici portino un abito ecclesiastico decoroso secondo le norme emanate dalla Conferenza Episcopale e secondo le legittime consuetudini locali.

Link: http://www.vatican.va/archive/ITA0276/__PY.HTM

Citazione:
Can. 669 - §1. I religiosi portino l'abito dell'istituto, fatto a norma del diritto proprio, quale segno della loro consacrazione e testimonianza di povertà. §2. I religiosi chierici di un istituto che non ha abito proprio adotteranno l'abito clericale a norma del can. 284.


Link: http://www.vatican.va/archive/ITA0276/__P27.HTM

Giusto per essere un po' precisi.
__________________
Catholics: the lucky ones!
Rispondi citando
  #13  
Vecchio 12-04-2012, 10.41.41
mammadidario mammadidario non è connesso
Amministratore
 
Data registrazione: 16-10-2007
Residenza: Milano
Messaggi: 1,000
mammadidario è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Preti per... il posto fisso!

Citazione:
Originalmente inviato da Miletto Visualizza messaggio
1) Certamente la vita religiosa non è il Sacerdozio (anche se ci sono religiosi Sacerdoti).
Tuttavia ...
Sì, infatti non mi riferivo tanto all’abito, quanto alla barba e agli altri dettagli che tu citavi quando hai scritto
Citazione:
Poi magari Catechismo, Direzione Spirituale, Adorazione Eucaristica, Recita del S. Rosario, Breviario, Talare, Tricorno, Mortificazioni (anche corporali)..Perchè si parla cosi poco di queste cose?
Intendevo dire che, mentre la vita religiosa è un percorso già precisato dal fondatore nei dettagli (la barba, le scadenze di preghiera alle varie ore, ecc.), il sacerdozio diocesano è di solito un percorso più “libero”. Chi entra in un ordine pensa che quella regola di vita, in tutti i suoi minuti dettagli, sia la strada ideale per lui verso la perfezione. Diversamente, un prete diocesano può scegliere un po’ più in autonomia (anche se sempre in armonia coi superiori) come organizzarsi la giornata, quanti e quali compiti sobbarcarsi ecc. Lo specifico della sua missione è quello che vediamo nello spot: è un pastore di anime.
Ecco perché penso che, mentre un ideale spot di reclutamento per benedettini farebbe bene ad indulgere su tutti quegli aspetti di vita che “fanno” il monaco, uno spot per preti diocesani deve puntare meno sul dettaglio di vita e più sulla globalità della missione.

In casa tradizionalista c’è talvolta una strana tendenza a voler fare di ogni prete un monaco benedettino, maturata forse in risposta alla mania progressista di disdegnare ogni forma di vita interiore e volere un prete solo azione. Ma bisogna fare parecchia attenzione a mantenere una visione sempre d’insieme sull’uomo, una visione da cristiano e non quella da anatomo-patologo tanto diffusa al giorno d’oggi. Cioè: il prete non è la somma di adorazione, breviario, catechismo e mortificazioni, così come l’idraulico non è la somma di chiave inglese, rubinetto, stoppa, e tuta. L’idraulico è un uomo che mette la gente in condizione di avere bagni funzionanti, e il prete è un uomo che mette la gente in condizione di incontrarsi con Dio. Stavo cercando di metterti in guardia da quelle derive che finiscono per attribuire troppo alle prassi umane e troppo poco all'agire misterioso di Dio.

Citazione:
Ricordo di aver letto di uno che non volle confessarsi con un prete prima di morire perchè non era vestito da Sacerdote e quindi il moribondo non credeva fosse un Sacerdote.)
Morte ingloriosa di un tradizionalista arrabbiato. Forse qualcuno avrebbe potuto spiegargli che per millenni, in caso di pericolo di vita e assente il prete, i cattolici si sono confessati ai commilitoni e agli amici.

Citazione:
Non pensate che forse ispiri a diventare Sacerdoti molto più una S. Messa celebrata cosi che una pubblicità di quel tipo?
Sì, ispira tutti i quindici ragazzi che vanno a quella Messa. Per gli altri quindicimila, che fare? L'ha spiegato bene Lucio, e lo ringrazio: se tu pensi, come voi legittimamente pensate, che il serbatoio delle vocazioni sia costituito da quei quattro gatti che hanno un curriculum da buon cristiano e che abbastanza naturalmente confluiranno al ministero sacedotale, allora lo spot non ha senso.
Se tu pensi invece, come me e come la CEE, e come il Card. Allen ai suoi tempi, che la tua società martoriata abbia prodotto una generazione di relativisti e di apostati loro malgrado, dai quali si potrebbe cavare del gran bel materiale umano se solo con loro stabilissi un contatto e iniziassi un discorso vocazionale, allora il tuo bacino d'utenza è molto più ampio e lo spot ha un senso. E' lo spirito delle GMG che ci ha lasciato in eredità il Beato Giovanni Paolo; dire a tutti i giovani che c'è un disegno su di loro e che è importante capire quale sia. Molti poi scopriranno di essere chiamati al matrimonio e ad altro; e bene, almeno si sono posti la domanda.

Se mi permettete una nota storica, quando un esule entrava nel seminario di Douay, come primo compito scriveva una lettera a un suo amico per invitarlo a mollare tutto e raggiungerlo. Gregory Martin scrisse al suo migliore amico, un signore che aveva trent'anni, aveva apostatato ed era divenuto diacono anglicano. Aveva una bella carriera avviata ad Oxford. Non era il profilo del candidato ideale. La gran parte di quelli che ricevevano lettere simili non lo erano. Nonostante ciò, dopo parecchie titubanze e avversità legate proprio al posto fisso e alla cadrega, quel signore prese la grande decisione e andò a raggiungere il suo amico. Divenne poi il più amato e venerato di una schiera di preti martiri quasi tutti reclutati in questo modo.
__________________
Sara
Rispondi citando
  #14  
Vecchio 12-04-2012, 11.40.12
L'avatar di aristide
aristide aristide non è connesso
Amministratore
 
Data registrazione: 23-06-2008
Residenza: Livorno
Messaggi: 1,490
aristide aggiunge speranza alla carità verso di noi
Predefinito Riferimento: Preti per... il posto fisso!

Concordo con Miletto sul fatto che la forma, anche nell'abito, è sostanza, ma aggiungo che la forma ha valore se c'è la sostanza. Infatti capita anche che alcune volte c'è una forma ineccepibile ma ciò non impedisce che manchi comunque la sostanza.

Mi vengono in mente le cerimonie alla corte britannica, con un protocollo che segue la tradizione nei minimi dettagli, il re, la regina, i notabili in abiti del '600, i tempi della cerimonia meticolosamente scanditi come la consuetudine dei secoli impone,.... Eppure non esiste una istituzione monarchica tanto formalmente perfetta ma al tempo stesso sostanzialmente vuota e portatrice di valori antitradizionali e rivoluzionari quale quella inglese. Mi sembra un esempio di come la forma diventa formalismo e copre una sostanza che non c'è.

L'abito per un prete è senza dubbio importante quando il sacerdote (o il religioso) agisce come sacerdote, cioè predica, catechizza, amministra i sacramenti,celebra la Messa. Ma c'è una bellissima foto che ritrae l'allora parroco Wojtyjla durante una passeggiata in montagna con i suoi giovani parrocchiani ed è fotografato con la camicia ed i pantaloni alla zuava rimboccati.
Ci sono le regole e vanno rispettate ma.......... “è il sabato che è fatto per l'uomo e non viceversa.
__________________
E' necessità et non si può far di manco

Ultima modifica di aristide : 12-04-2012 alle ore 11.43.32
Rispondi citando
  #15  
Vecchio 12-04-2012, 17.31.14
LucioFontana LucioFontana non è connesso
Amministratore
 
Data registrazione: 30-09-2007
Messaggi: 2,091
LucioFontana ha disabilitato la reputazione
Predefinito Riferimento: Preti per... il posto fisso!

Citazione:
Originalmente inviato da mammadidario Visualizza messaggio
se tu pensi, come voi legittimamente pensate, che il serbatoio delle vocazioni sia costituito da quei quattro gatti che hanno un curriculum da buon cristiano e che abbastanza naturalmente confluiranno al ministero sacedotale, allora lo spot non ha senso.
Mah!… Io non so cosa mostri il video di Miletto (non lo ricevo), ma a prescindere da esso penso piuttosto che “i gatti col curriculum da cristiano” (senza aggettivo e senza ironia, non i baciapile né i cosiddetti – equivocamente – tradizionalisti), a leggere quelle sciocchezze (scusatemi; è un giudizio personale, e mi limito), se avevano qualche intenzione di darsi al sacerdozio se lo fanno passare di corsa. O meglio glielo fanno passare perché fanno capire loro che… non hanno capito niente di cosa sia il sacerdote.

L’evangelizzazione per richiamare i lontani è un conto, chiamare i lontani a fare il sacerdote, non solo è un altro conto, ma mi sembra un conto veramente azzardato (e mi limito anche qui).

Che, come già detto, lo Spirito soffia dove vuole non c’è dubbio, e sono il primo a crederci, e le prove ci sono; ma considerarla una regola, o voler costringere lo Spirito a soffiare in certe direzioni in cui si ha urgenza che soffi; oppure buttare la lenza a caso chissà che non abbocchi qualche pesce, non mi sembra faccia parte della tradizionale prassi e prudenza della Chiesa, né che esse possano piegarsi alla congiuntura del tempo in cui si vive, sì da auspicare di avere dei preti comunque siano, tanto siamo in periodo di relativismo…

Del resto è evidente che il tipo di pubblicità è fatta sul modello del tipo medio di prete progressista che imperversa oggi. Non è, cioè, che prima è nata la pubblicità e poi sono venuti fuori questi preti; al contrario: visto che è questo il genere di preti che oggi vanno per la maggiore, facciamo la pubblicità su questi canoni.

E dico un’altra cosa: non ho il tempo di andare a cercare per confermarla con delle citazioni; ma ho letto in più parti che c’è un maggior ritorno alle vocazioni in quelle case religiose che denotano maggiore sobrietà, disciplina e meno apertura “al mondo”, se lo s’intende nel senso di doversi adeguare alla sua mentalità relativista, che in quelle dove hanno spalancate le porte ad ogni vento, conformandosi completamente all'andazzo corrente, che stanno tutte per svuotarsi. E questo vale anche per i Seminari.

Citazione:
Originalmente inviato da mammadidario Visualizza messaggio
Se tu pensi invece, come me e come la CEE, e come il Card. Allen ai suoi tempi, che la tua società martoriata abbia prodotto una generazione di relativisti e di apostati loro malgrado, dai quali si potrebbe cavare del gran bel materiale umano se solo con loro stabilissi un contatto e iniziassi un discorso vocazionale, allora il tuo bacino d'utenza è molto più ampio e lo spot ha un senso. E' lo spirito delle GMG che ci ha lasciato in eredità il Beato Giovanni Paolo; dire a tutti i giovani che c'è un disegno su di loro e che è importante capire quale sia. Molti poi scopriranno di essere chiamati al matrimonio e ad altro; e bene, almeno si sono posti la domanda.
Sono d’accordo su queste cose, e in particolare al riferimento a Giovanni Paolo II, a condizione che le s'intenda, come già detto, nel senso dell’evangelizzazione, non del reclutar preti, come invece intende questa propaganda. Vuol dire che una volta che l’evangelizzazione avrà prodotto i suoi frutti, quelli che li avranno colti faranno parte di quei gatti (quattro o un milione che siano), che intendono il ruolo del sacerdote nei suoi giusti criteri; che poi non sono né i miei, né quelli di nessuno: basta leggere un po’ di documenti del Magistero, incominciando dal CCC, per continuare con il Codice di Diritto Canonico e con i decreti del Concilio Vaticano II per rendersi conto che tali criteri sono lontani anni luce da quelli oggi di moda e reclamizzati dalla CEE.

Ma vorrei infine spezzare una lancia a favore dei giovani di oggi, che secondo me sono molto migliori, mediamente, del cliché che ci propinano i mezzi d’informazione.
I giovani di oggi, che non sono per niente diversi da quelli di tutti i tempi, cercano riferimenti, e purtroppo si devono accontentare di quelli deboli, o addirittura falsi che porgono loro. Ma se ne incontrano di più credibili vi aderiscono con la generosità tipica della loro età. E cercano guide (anzi “maestri”, a dispetto della nuova versione CEI della Bibbia); ma i falsi maestri che vengono loro presentati li spinge, come reazione, alla ribellione. Ma se trovano un “vero” maestro, gli si affezionano e lo seguono anche oggi. Beh! Non credo che con questa pubblicità si attirino giovani desiderosi d’incontrare un vero maestro: questa è la pubblicità tipica per chi aspira a diventare manager, di chi vuole avere “successo nella vita”, non di chi vuole mettersi alla sequela di qualcuno (o di Qualcuno). Già lo stile è quello: del resto, a chi avranno commissionato il progetto?

Lucio
Rispondi citando
  #16  
Vecchio 12-04-2012, 22.43.15
L'avatar di Miletto
Miletto Miletto non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 26-03-2009
Messaggi: 647
Miletto è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Preti per... il posto fisso!

Citazione:
Originalmente inviato da mammadidario Visualizza messaggio
Sì, infatti non mi riferivo tanto all’abito, quanto alla barba e agli altri dettagli che tu citavi quando hai scritto
Intendevo dire che, mentre la vita religiosa è un percorso già precisato dal fondatore nei dettagli (la barba, le scadenze di preghiera alle varie ore, ecc.), il sacerdozio diocesano è di solito un percorso più “libero”. Chi entra in un ordine pensa che quella regola di vita, in tutti i suoi minuti dettagli, sia la strada ideale per lui verso la perfezione. Diversamente, un prete diocesano può scegliere un po’ più in autonomia (anche se sempre in armonia coi superiori) come organizzarsi la giornata, quanti e quali compiti sobbarcarsi ecc. Lo specifico della sua missione è quello che vediamo nello spot: è un pastore di anime.

Si, è vero che certe cose le può scegliere. Il problema oggi è che forse quelle "standard", o quelle "minime" da cui non si può prescindere forse sono un po' dimenticate.

Citazione:
Originalmente inviato da mammadidario Visualizza messaggio
In casa tradizionalista c’è talvolta una strana tendenza a voler fare di ogni prete un monaco benedettino, maturata forse in risposta alla mania progressista di disdegnare ogni forma di vita interiore e volere un prete solo azione. Ma bisogna fare parecchia attenzione a mantenere una visione sempre d’insieme sull’uomo, una visione da cristiano e non quella da anatomo-patologo tanto diffusa al giorno d’oggi. Cioè: il prete non è la somma di adorazione, breviario, catechismo e mortificazioni, così come l’idraulico non è la somma di chiave inglese, rubinetto, stoppa, e tuta. L’idraulico è un uomo che mette la gente in condizione di avere bagni funzionanti, e il prete è un uomo che mette la gente in condizione di incontrarsi con Dio. Stavo cercando di metterti in guardia da quelle derive che finiscono per attribuire troppo alle prassi umane e troppo poco all'agire misterioso di Dio.
Non sono un tradizionalista.

Che c'entrano poi i Benedettini?

Poi: forse non mi sono spiegato bene. Diciamo che il prete ideale è un po' il Santo Curato d'Ars; come ci ha proposto del resto il Papa nell'ultimo Anno Sacerdotale.

Citazione:
Originalmente inviato da mammadidario Visualizza messaggio
Morte ingloriosa di un tradizionalista arrabbiato. Forse qualcuno avrebbe potuto spiegargli che per millenni, in caso di pericolo di vita e assente il prete, i cattolici si sono confessati ai commilitoni e agli amici.
Magari era semplicemente un vecchietto spaventato.

Citazione:
Originalmente inviato da mammadidario Visualizza messaggio
Sì, ispira tutti i quindici ragazzi che vanno a quella Messa. Per gli altri quindicimila, che fare? L'ha spiegato bene Lucio, e lo ringrazio: se tu pensi, come voi legittimamente pensate, che il serbatoio delle vocazioni sia costituito da quei quattro gatti che hanno un curriculum da buon cristiano e che abbastanza naturalmente confluiranno al ministero sacedotale, allora lo spot non ha senso.
Per gli altri quindicimila innanzitutto mi preoccuperei prima della loro Conversione. Poi della loro Vocazione. Mi sembra difficile che un ragazzo che non vada neanche alla S. Messa stia li a valutare il Sacerdozio e che uno spot simile possa farlo cambiare idea. Poi magari capita, ma mi sembra veramente difficile.

Citazione:
Originalmente inviato da mammadidario Visualizza messaggio
Se tu pensi invece, come me e come la CEE, e come il Card. Allen ai suoi tempi, che la tua società martoriata abbia prodotto una generazione di relativisti e di apostati loro malgrado, dai quali si potrebbe cavare del gran bel materiale umano se solo con loro stabilissi un contatto e iniziassi un discorso vocazionale, allora il tuo bacino d'utenza è molto più ampio e lo spot ha un senso. E' lo spirito delle GMG che ci ha lasciato in eredità il Beato Giovanni Paolo; dire a tutti i giovani che c'è un disegno su di loro e che è importante capire quale sia. Molti poi scopriranno di essere chiamati al matrimonio e ad altro; e bene, almeno si sono posti la domanda.
Sono stato alla GMG quest'estate a Madrid (bellissima esperienza).

Uno degli spettacoli più belli? I preti e i religiosi che pure col gran caldo si vestivano con i loro abiti, magari dicevano il Breviario... Insomma; è importante questa cosa dell'immagine (sopratutto in una società come la nostra in cui l'immagine conta veramente tanto!).
__________________
Catholics: the lucky ones!
Rispondi citando
  #17  
Vecchio 12-04-2012, 22.47.16
L'avatar di Miletto
Miletto Miletto non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 26-03-2009
Messaggi: 647
Miletto è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Preti per... il posto fisso!

Citazione:
Originalmente inviato da mammadidario Visualizza messaggio
Se mi permettete una nota storica, quando un esule entrava nel seminario di Douay, come primo compito scriveva una lettera a un suo amico per invitarlo a mollare tutto e raggiungerlo. Gregory Martin scrisse al suo migliore amico, un signore che aveva trent'anni, aveva apostatato ed era divenuto diacono anglicano. Aveva una bella carriera avviata ad Oxford. Non era il profilo del candidato ideale. La gran parte di quelli che ricevevano lettere simili non lo erano. Nonostante ciò, dopo parecchie titubanze e avversità legate proprio al posto fisso e alla cadrega, quel signore prese la grande decisione e andò a raggiungere il suo amico. Divenne poi il più amato e venerato di una schiera di preti martiri quasi tutti reclutati in questo modo.
Le vie del Signore sono infinite. Bellissima storia; cosa vuoi che ti dica?

Normalmente però tanti giovani che entrano in Seminario sono affascinati magari dalla figura di qualche prete; non da una pubblicità.

E comunque se proprio si vogliono fare dei video, io proporrei più un video del genere (che ha riscosso un discreto successo in rete): http://www.youtube.com/watch?v=4frzb-mre2Y

Comunque a me quel video (a parte la roba sul "posto fisso" che mi lascia perplesso) piace pure. Però credo che ci siano altre cose anche più importante di cui oggi ci si dimentica un po'.

Citazione:
Originalmente inviato da aristide Visualizza messaggio
L'abito per un prete è senza dubbio importante quando il sacerdote (o il religioso) agisce come sacerdote, cioè predica, catechizza, amministra i sacramenti,celebra la Messa. Ma c'è una bellissima foto che ritrae l'allora parroco Wojtyjla durante una passeggiata in montagna con i suoi giovani parrocchiani ed è fotografato con la camicia ed i pantaloni alla zuava rimboccati.
Ci sono le regole e vanno rispettate ma.......... “è il sabato che è fatto per l'uomo e non viceversa.
Sono d'accordo. Infatti non pretendo mica che anche i preti quando vanno a sciare con l'Oratorio lo facciano in talare!

Anche se comunque una foto come questa, in montagna, non è male.

Il problema di cui parlo di certo non è dei preti che in montagna si mettono i pantaloni. Spero questo l'abbiate capito. E sono d'accordisso che la sostanza ci deve essere.

Oggi però molto spesso la forma manca.
__________________
Catholics: the lucky ones!
Rispondi citando
  #18  
Vecchio 12-04-2012, 23.03.27
L'avatar di Miletto
Miletto Miletto non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 26-03-2009
Messaggi: 647
Miletto è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Preti per... il posto fisso!

Citazione:
Originalmente inviato da LucioFontana Visualizza messaggio
Mah!… Io non so cosa mostri il video di Miletto (non lo ricevo), ma a prescindere da esso penso piuttosto che “i gatti col curriculum da cristiano” (senza aggettivo e senza ironia, non i baciapile né i cosiddetti – equivocamente – tradizionalisti), a leggere quelle sciocchezze (scusatemi; è un giudizio personale, e mi limito), se avevano qualche intenzione di darsi al sacerdozio se lo fanno passare di corsa. O meglio glielo fanno passare perché fanno capire loro che… non hanno capito niente di cosa sia il sacerdote.
Citazione:
Originalmente inviato da LucioFontana Visualizza messaggio
L’evangelizzazione per richiamare i lontani è un conto, chiamare i lontani a fare il sacerdote, non solo è un altro conto, ma mi sembra un conto veramente azzardato (e mi limito anche qui).
Sono d'accordo.

Citazione:
Originalmente inviato da LucioFontana Visualizza messaggio
Del resto è evidente che il tipo di pubblicità è fatta sul modello del tipo medio di prete progressista che imperversa oggi. Non è, cioè, che prima è nata la pubblicità e poi sono venuti fuori questi preti; al contrario: visto che è questo il genere di preti che oggi vanno per la maggiore, facciamo la pubblicità su questi canoni.

E dico un’altra cosa: non ho il tempo di andare a cercare per confermarla con delle citazioni; ma ho letto in più parti che c’è un maggior ritorno alle vocazioni in quelle case religiose che denotano maggiore sobrietà, disciplina e meno apertura “al mondo”, se lo s’intende nel senso di doversi adeguare alla sua mentalità relativista, che in quelle dove hanno spalancate le porte ad ogni vento, conformandosi completamente all'andazzo corrente, che stanno tutte per svuotarsi. E questo vale anche per i Seminari.


Sono d’accordo su queste cose, e in particolare al riferimento a Giovanni Paolo II, a condizione che le s'intenda, come già detto, nel senso dell’evangelizzazione, non del reclutar preti, come invece intende questa propaganda. Vuol dire che una volta che l’evangelizzazione avrà prodotto i suoi frutti, quelli che li avranno colti faranno parte di quei gatti (quattro o un milione che siano), che intendono il ruolo del sacerdote nei suoi giusti criteri; che poi non sono né i miei, né quelli di nessuno: basta leggere un po’ di documenti del Magistero, incominciando dal CCC, per continuare con il Codice di Diritto Canonico e con i decreti del Concilio Vaticano II per rendersi conto che tali criteri sono lontani anni luce da quelli oggi di moda e reclamizzati dalla CEE.

Ma vorrei infine spezzare una lancia a favore dei giovani di oggi, che secondo me sono molto migliori, mediamente, del cliché che ci propinano i mezzi d’informazione.
I giovani di oggi, che non sono per niente diversi da quelli di tutti i tempi, cercano riferimenti, e purtroppo si devono accontentare di quelli deboli, o addirittura falsi che porgono loro. Ma se ne incontrano di più credibili vi aderiscono con la generosità tipica della loro età. E cercano guide (anzi “maestri”, a dispetto della nuova versione CEI della Bibbia); ma i falsi maestri che vengono loro presentati li spinge, come reazione, alla ribellione. Ma se trovano un “vero” maestro, gli si affezionano e lo seguono anche oggi. Beh! Non credo che con questa pubblicità si attirino giovani desiderosi d’incontrare un vero maestro: questa è la pubblicità tipica per chi aspira a diventare manager, di chi vuole avere “successo nella vita”, non di chi vuole mettersi alla sequela di qualcuno (o di Qualcuno). Già lo stile è quello: del resto, a chi avranno commissionato il progetto?

Lucio
Il video mostra una S. Messa nel momento della Consacrazione celebrata con molta devozione.

La Messa ha come Celebrante principale padre Stefano M. Manelli, fondatore dei Frati Francescani dell'Immacolata (fondati insieme al cofondatore padre Gabriele M. Pellettieri; nonostante la crisi della Chiesa in cui si vive quell'istituto cresce. Lentamente, ma cresce.).
__________________
Catholics: the lucky ones!
Rispondi citando
  #19  
Vecchio 12-04-2012, 23.09.02
L'avatar di Miletto
Miletto Miletto non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 26-03-2009
Messaggi: 647
Miletto è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Preti per... il posto fisso!

Citazione:
Originalmente inviato da mammadidario Visualizza messaggio
Morte ingloriosa di un tradizionalista arrabbiato. Forse qualcuno avrebbe potuto spiegargli che per millenni, in caso di pericolo di vita e assente il prete, i cattolici si sono confessati ai commilitoni e agli amici.
Magari era semplicemente un vecchietto spaventato.

Te ne racconto un altra che ho letto nel libro "L'abito ecclesiastico, sua valenza e storia". Vado a sommi capi. Comunque il racconto è più o meno il seguente.
Un gruppo di preti che cammina per strada. Ad un certo punto una donna esce da un edificio forse urlando che tipo suo marito sta morendo. Riconosce in uno di questi preti un prete (cioè l'unico del gruppo che ha il colletto); risultato: quel prete va ad assistere quel moribondo. La donna poi dice di essere contenta in sostanza perchè appunto ha trovato subito un prete. Il prete le risponde che è molto fortunata perchè di preti non c'è ne uno ma ben di più. Al che la donna sorpresa praticamente dice che se non era per il colletto di quello li lei non lo avrebbe saputo.

Quel colletto ha avuto forse un ruolo fondamentale nella salvezza di una anima. Mica poco!

Poi c'è anche quest'altra storia: http://www.youtube.com/watch?v=1XGqat14fsQ
Non parla esplicitamente dell'abito ma il fatto che la gente anche sul treno gli chiede di confessarla è probabilmente dovuto al fatto che va in giro vestito da prete.
__________________
Catholics: the lucky ones!

Ultima modifica di Miletto : 12-04-2012 alle ore 23.11.57
Rispondi citando
  #20  
Vecchio 06-03-2013, 10.43.00
mammadidario mammadidario non è connesso
Amministratore
 
Data registrazione: 16-10-2007
Residenza: Milano
Messaggi: 1,000
mammadidario è sulla strada della carità fraterna
Predefinito Riferimento: Preti per... il posto fisso!

A circa un anno di distanza, una buona notizia:
crescono i seminaristi in Spagna

Naturalmente ognuno di noi è libero di interpretare il dato come vuole:
a)hanno preso cani e porci
b)lo spot ha funzionato
c)Dio li avrebbe chiamati comunque indipendentemente dagli spot

Se avete risposto a: tradizionalisti amari con tendenza al pessimismo cosmico
se avete risposto b: ottimisti inguaribili: il prossimo Papa vi manderà ad evangelizzare il Parlamento, come pecore in mezzo ai grillini
se avete risposto c: frequentatori abituali di Totustuus

Scusate il momento di demenzialità... Volevo solo farvi sorridere
__________________
Sara
Rispondi citando
Rispondi

Strumenti discussione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi threads
Tu non puoi inserire risposte
Tu non puoi inserire allegati
Tu non puoi editare i tuoi posts

BB code is Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 03.19.07.

Come aiutare totustuus.it: | Documenti di tutti i Concili | Denzinger | Tutte le Encicliche | Amici di Joseph Ratzinger | San Josemaria Escrivà | Card. Caffarra | Pagine cattoliche | Tutta un'altra storia | Contro la leggenda nera | Difendere la vita | Rino Cammilleri | Libertà di educazione | Eugenio Corti | P. Thomas Tyn O.P. | P. Cornelio Fabro | Per una politica dei valori | Campus Virtuale di teologia | Fatti Sentire! | Vittorio Messori | Haerent animo | Flos Carmeli | Amici di don Giussani | Storia, politica, educazione | Scambio banner per siti cattolici | Feeds, Rss, Xml | I forum di Totus tuus | Tutti i libri scaricabili gratuitamente

Powered by vBulletin versione 3.8.4
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana : www.vbulletin.it
Nessun diritto riservato, riproduzione raccomandata anche senza citare la fonte.